Ordina online, ritira e paga nel tuo punto vendita di fiducia. SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA

|
|
|

I principi attivi contro la cellulite: su quali puntare?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
ananas contro la cellulite

La cellulite, per alcune persone, rappresenta un inestetismo del quale liberarsi per migliorare la propria autostima e riconquistare un’immagine di sé maggiormente soddisfacente. La tipica “pelle a buccia d’arancia” si rende riconoscibile per la presenza di caratteristici noduli e fossette nella pelle. Può colpire indistintamente sia uomini che donne anche se, tipicamente, è più comune nel genere femminile per via della differente distribuzione del grasso, dei muscoli e del tessuto connettivo.

Quali sono gli stadi della cellulite?

Uno studio del 2009 ha trovato una classificazione ai livelli di cellulite, dividendoli in tre gradi che vanno da lieve a grave:

  • Lieve: la cellulite tende ad avere quello che viene informalmente chiamato aspetto “a buccia d’arancia”, con un numero variabile da una a quattro depressioni superficiali per zona del corpo. Presenta una trama della pelle cascante o leggermente drappeggiata.
  • Moderato: in questo caso si hanno, invece, dalle cinque alle nove depressioni, un moderato drappeggio della pelle e un aspetto tendenzialmente grumoso.
  • Grave: si hanno dieci (o più) depressioni profonde, la pelle è estremamente drappeggiata e ha il cosiddetto aspetto a “materasso”, ovvero presenta affossamenti e gonfiori estremamente visibili a occhio nudo.

Le cause della cellulite

Non è stata individuata, attualmente, una causa univoca ricollegabile alla formazione della cellulite, anche se sembrerebbe poter derivare da un’alterazione dell’interazione tra il tessuto connettivo (che si trova sotto la superficie della pelle, nello strato dermico) e lo strato di grasso.

A questo si aggiungono poi:

  • Fattori ormonali e di età: con l’avvicinarsi della menopausa, nelle donne diminuiscono gli estrogeni e l’afflusso sanguigno al tessuto connettivo. Questo produce un conseguente sviluppo delle masse adipose unito a una minor produzione di collagene.
  • Fattori genetici: legati alla distribuzione del grasso sottocutaneo.
  • Fattori dietetici e legati allo stile di vita: un’alimentazione eccessivamente ricca di carboidrati, grassi e sale, unita alla poca attività fisica, sembrerebbe essere alla base di un aumento dei casi di cellulite nella popolazione.
Ma quali strumenti naturali esistono per contrastare questa condizione?

Anticellulite naturali

Aronia

Oltre all’efficacia, scientificamente dimostrata nella prevenzione del rischio cardiovascolare, secondo uno studio del 2014 la supplementazione dietetica con il succo delle bacche di questi cespugli e arbusti, contenente polifenoli, previene la formazione di grasso addominale e migliora l’aspetto della pelle vittima di cellulite, prevenendone anche la formazione.

Ananas

I principi attivi contenuti negli estratti secchi di questo frutto hanno la capacità di contrastare gli inestetismi provocati dalla cellulite, favorendo al contempo la funzionalità del microcircolo grazie alla bromelina, enzima che si trova principalmente nel gambo dell’ananas.

Tè verde

In qualità di drenante naturale, il tè verde è una bevanda dalle proprietà diuretiche, utile nel contrastare la cellulite e la ritenzione idrica grazie alla sua capacità di ripristinare la corretta percentuale di liquidi all’interno dell’organismo. I principi attivi contenuti all’interno del tè verde svolgono, inoltre, un’azione lipolitica e ipoglicemizzante che contribuisce a far dimagrire gambe e pancia.

Centella asiatica

La centella asiatica, diffusa nelle regioni umide dell’India e del Sud America, è una pianta erbacea perenne che appartiene alla Famiglia delle Apiacee. Nella medicina occidentale se ne utilizzano le foglie che, grazie ad alcuni composti e sali minerali, aiutano a combattere la cellulite.

Pilosella

Pianta dal forte potere drenante, la Pilosella è in grado di contribuire alla diminuzione del gonfiore legato alla cellulite, eliminando i liquidi in eccesso e migliorando la circolazione. Le sue caratteristiche di diuretico naturale la rendono un utile supporto nel contrastare gli inestetismi della pelle.

Ortosifon

Originaria del sud-est asiatico, l’Ortosifon (conosciuta anche con il nome di tè di Giava) è una pianta erbacea perenne ed è consigliata, fra le altre cose, come coadiuvante nei casi di obesità. La sua funzione drenante, garantita dalle componenti presenti nelle sue foglie, aiuta infatti a combattere la cellulite.

Grazie all’utilizzo delle suddette foglie e frutti è dunque possibile contrastare in maniera naturale questa indesiderata condizione della pelle.

Carrello