Ordina online, ritira e paga nel tuo punto vendita di fiducia. SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA

|
|
|

Quanto è importante la Flora Batterica per il benessere di adulti e bambini?

Il termine “Flora Batterica” deve essere inteso quale benefica interazione tra noi e quei microrganismi utili che influenzano e favoriscono il mantenimento dello stato di benessere nel nostro corpo.

La Flora Batterica intestinale

La microflora intestinale è costituita da centinaia di specie batteriche diverse, le cui molteplici attività metaboliche influenzano il nostro stato di salute. In particolare la popolazione batterica:

  • Controlla la sintesi delle vitamine, in primis le vitamine del gruppo B e la vitamina K;
  • Favorisce l’assorbimento di oligoelementi: Magnesio, Calcio, Ferro;
  • Rappresenta una barriera di protezione nei confronti delle aggressioni da batteri nocivi o da agenti dannosi di natura alimentare o virale;
  • Garantisce l’integrità della mucosa intestinale, producendo acidi grassi a catena corta, una fonte energetica per le cellule epiteliali dell’intestino ed utili contro l’ipercolesterolemia;
  • Produce sostanze antibatteriche come l’acido lattico, batteriocine o perossido d’idrogeno e secerne sostanze antibiotiche come l’Acidofilina;
  • Produce enzimi che riducono il livello di lattosio.
Corretta alimentazione

L’importanza delle attività svolte dalla flora batterica spiega perché, in caso di disbiosi o quando è necessario rigenerare la microflora intestinale, diventa consigliabile l’assunzione di probiotici attraverso l’introduzione di alimenti e/o integratori alimentari contenenti fermenti lattici e prebiotici.

Sapevi che

La disbiosi è un’alterazione della flora batterica. I probiotici sono batteri vivi che aiutano a ripopolare la flora batterica intestinale, vengono assunti quando si verifica uno squilibrio con conseguente stato di disbiosi, tra questi i fermenti lattici. I prebiotici costituiscono l’elemento di cui i batteri hanno bisogno per vivere e proliferare.

La donna e la Flora di Doderlein

Nell’ambiente vaginale convivono, in perfetto equilibrio, una moltitudine di microrganismi.

Dalla pubertà alla menopausa, l’ecosistema non è statico ma subisce continui cambiamenti legati sia alle naturali variazioni, soprattutto ormonali, sia a fattori esterni che ne influenzano l’equilibrio: l’uso di contraccettivi orali, di antibiotici, l’igiene intima e le abitudini sessuali.

La flora vaginale, in una donna sana di età postpuberale e premenopausale, è principalmente rappresentata da lattobacilli di differente specie che compongono la “flora di Doderlein”. I lattobacilli sono dei probiotici in grado di produrre un biofilm che riveste la mucosa vaginale e, impiegando diversi meccanismi di difesa, riescono a proteggere l’ambiente dall’aggressione dei microrganismi responsabili delle infezioni. La flora vaginale, quindi, svolge un’azione importantissima ed è per questo motivo che si ricorre all’uso di fermenti lattici per affrontare problemi sia di natura batterica che fungina in modo da ristabilire un equilibrio alterato.

Il consiglio

Oltre ad assumere fermenti lattici, è di supporto osservare una corretta igiene intima con detergenti delicati, non irritanti che preservino il pH fisiologico, indossare biancheria intima in fibre naturali, come il cotone e seguire una dieta che non contenga eccessivamente zuccheri.

La delicata flora batterica del bambino

Durante la gravidanza, l’intestino del feto è perfettamente sterile per effetto barriera placenta ma, subito dopo la nascita, l’organismo viene colonizzato da microrganismi provenienti dal tratto genitourinario e dal latte della mamma e può essere influenzato da fattori esterni come dieta, terapie antibiotiche, allattamento ed ipotetiche infezioni.

Proprio per questo, i primi mesi di vita sono molto importanti per costruire una popolazione batterica florida ed equilibrata. La flora gastrointestinale svolge un ruolo importante nello sviluppo di una sana funzione immunologica e digestiva nei bambini.

Non tutti i ceppi probiotici hanno, tuttavia, la stessa efficacia sui bambini, quelli maggiormente indicati sono:

  • Il Bifidobacterium Infantis: un batterio presente soprattutto nei neonati allattati al seno che aiuta a:
    • ridurre i problemi gastroenterici,
    • favorire l’idrolisi del lattosio,
    • migliorare l’assorbimento del complesso vitaminico B,
    • ridurre l’incidenza della diarrea infantile,
    • potenziare la risposta immunitaria dell’intero organismo.
  • ll Lactobacillus Reuterii, è un importante disinfettante intestinale, produce Reuterina che inibisce i patogeni ed è efficace nel trattamento contro la colica infantile. Il Saccharomyces Boulardii protegge il sistema intestinale. Produce nell’intestino acido lattico e vitamine B ed allontana i ceppi di lieviti dannosi. È utilizzato contro la diarrea del viaggiatore.

I bambini rappresentano una popolazione a rischio di contaminazione, dovuta e alla loro predisposizione a mettere spesso le mani in bocca in luoghi frequentati da altri bambini.

Garantire loro un’alimentazione equilibrata con il giusto apporto di liquidi e di fibre è fondamentale per la loro salute e regolarità intestinale ma, nonostante questo, la flora batterica si può alterare e per ripristinare uno stato di eubiosi, cioè di una corretta flora batterica, è d’aiuto fargli assumere la giusta combinazioni di ceppi di probiotici in grado di colonizzare l’intestino riportando equilibrio e benessere.

Carrello